lunedý, 3 agosto '20.
Sei il visitatore n░ 3164932





ALBO PRETORIO ON-LINE

Privacy

Uffici Comunali

STATUTO E REGOLAMENTI

Servizi al cittadino

ALBO FORNITORI E COTTIMISTI

DELIBERE/CONSULENZA

Servizi per bambini

RISULTATI ELETTORALI

Ambiente

Attivita' sportive

Protezione Civile

Associazioni e Spazio Giovani

Link utili

Suggerimenti/Segnalazioni

Bilancio Partecipato


Web Site a cura di
Edita S.p.A.


Lotario Tomba
Lotario Tomba Architetto

Lotario Tomba è il miglior architetto dell’epoca neoclassica a Piacenza. Nato a Sarmato il 27 maggio del 1749 da un famiglia di capimastri si era trasferito a Piacenza in giovane età. Si era finora supposto che si fosse recato a Roma verso il 1786 per ragioni di studio; sappiamo ora invece che studiò a Bologna ove frequentò i corsi di matematica e di geometria all’Archiginnasio; a Roma si era recato invece suo nipote Antonio che fu pure apprezzato architetto. Pur non potendo escludere che anche Lotario sia andato a Roma, è comunque certo che la sua formazione fu bolognese. Il Tomba presentò il suo curriculum scolastico al governatore di Piacenza per essere ammesso alla professione di agrimensore e fu abilitato il 13.7.1781. Il Tomba da allora fu chiamato indifferentemente architetto o ingegnere ed il 3.12.1798 fu anche nominato sottotenente di fanteria aggregato al corpo degli ingegneri; pervenne poi al grado di capitano. Come risulta da attestati rilasciategli da vari professori dell’archiginnasio bolognese il 5.7.1781, il Tomba aveva frequentato nel 1774 e 1775 i corsi di idrometria tenuti da Eugenio Zanotti, quelli di analisi, geometria e matematica tenuti da Luigi Caccianemici Paleani e quelli di matematica e agricoltura tenuti da Gian Antonio Pedevilla (vedi Archivio Storico Comunale di Piacenza – Allegato Provvigioni Comunali). Tra le numerose opere di Lotario Tomba vanno segnalate il Teatro Municipale di Piacenza, la facciata del Palazzo del Governatore in Piazza Cavalli, il Cimitero di Piacenza, il Palazzo Scotti di Montalbo. A Sarmato resta di sua mano, secondo la tradizione popolare, l’ampliamento del Santuario della Beata Vergine di Caravaggio, nella versione neoclassica esistente, Morì in Piacenza il 15 settembre 1823.



TornaTorna 


Agosto 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
         
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
           
« Oggi »

Archivio


SOSTIENI L'EMERGENZA COVID-19 - IL TUO AIUTO E' PREZIOSO

Fondazione Valtidone Musica

Facebook

SUE


Previsioni Meteo Sarmato



Cartina di Sarmato

Informazioni

Modulistica

Tariffe

IMU - Imposta Municipale Propria

TASI - Tributo per i Servizi Indivisibili

Urbanistica

MERCATO SETTIMANALE