domenica, 15 settembre '19.
Sei il visitatore n 2781089





ALBO PRETORIO ON-LINE

Privacy

Uffici Comunali

STATUTO E REGOLAMENTI

Servizi al cittadino

ALBO FORNITORI E COTTIMISTI

DELIBERE/CONSULENZA

Servizi per bambini

RISULTATI ELETTORALI

Ambiente

Attivita' sportive

Protezione Civile

Associazioni e Spazio Giovani

Link utili

Suggerimenti/Segnalazioni

Bilancio Partecipato


Web Site a cura di
Edita S.p.A.


Il tarlo asiatico




31/07/2008 Caccia al tarlo asiatico, a rischio alberi e piante da giardino




 


Bologna - Dopo la vespa cinese, arrivata ad infestare i nostri castagneti, un altro insetto arrivato dall’Asia è alle porte. Si tratta di un grosso coleottero, già battezzato “tarlo asiatico” perchè vive a spese del legno e può attaccare piante di specie diverse, soprattutto arboree latifoglie. Innocuo per l’uomo, è estremamente dannoso per le piante perchè scava profonde gallerie alla base del tronco e nelle radici che fanno deperire la pianta e ne possono causare lo schianto e la morte. Questo parassita può danneggiare alberi e arbusti molto comuni nei nostri ambienti, tra i quali aceri, ippocastani, betulle, faggi, noccioli, platani, querce.



Anoplophora chinensis – questo il suo nome scientifico – in Lombardia ha già provocato danni per milioni di euro. Una recente segnalazione del parassita in Lazio fa temere il rischio di una sua introduzione anche in Emilia-Romagna. Il tarlo asiatico, oltre che per diffusione naturale, può essere infatti diffuso a grande distanza attraverso i mezzi di trasporto.




“E’ necessario che ci sia l’impegno da parte di tutti - Amministrazioni pubbliche e cittadini - perchè venga posta la massima attenzione a questa nuova emergenza che può coinvolgere anche la nostra regione, con un impatto negativo sulle aree verdi e non solo”. Lo ha affermato l’assessore regionale all’Agricoltura Tiberio Rabboni, ricordando che il parassita può colpire  anche le piante da frutto, come accade in Cina e negli altri paesi asiatici, dove è largamente diffuso.



La specie è dichiarata da quarantena nell’Unione europea, e in Italia è in vigore un decreto di lotta obbligatoria emanato il 9 novembre 2007. 



A oggi non esistono mezzi di lotta, l’unico rimedio per evitare che il tarlo asiatico si insedi stabilmente nei nostri ambienti è la tempestiva eliminazione e distruzione delle piante infestate, apparato radicale compreso, e l’incenerimento del legname.



Partirà in questi giorni una campagna di informazione su questa nuova emergenza: a tutti i Comuni dell’Emilia-Romagna il Servizio fitosanitario regionale invierà materiale informativo completo di foto e schede esplicative che possono aiutare a riconoscere e individuare l’insetto. L’obiettivo è quello di coinvolgere i cittadini perché segnalino l’eventuale presenza di questo nuovo parassita, in modo che sia possibile intervenire prontamente per prevenirne la diffusione nel territorio regionale.




Per maggiori notizie su Anoplophora chinensis www.ermesagricoltura.it (Difesa fitosanitaria)




 In allegato:

il volantino della campagna

il pieghevole

il D.M.





Documenti
TornaTorna 


Settembre 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
           
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 20
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 29
  • 30
           
« Oggi »

Archivio


Fondazione Valtidone Musica

Facebook

SUE


Previsioni Meteo Sarmato



Cartina di Sarmato

Informazioni

Modulistica

Tariffe

IMU - Imposta Municipale Propria

TASI - Tributo per i Servizi Indivisibili

Urbanistica

MERCATO SETTIMANALE